Itinerari fra i borghi della Maremma

La Maremma è una parte della Toscana che ha davvero tantissimo da offrire a chi decide di fermarsi qui. Nei dintorni di Magliano in Toscana, non c’è solo il mare, ma anche tantissima cultura che racconta l’importanza del territorio nel tempo. Se arrivate a Magliano in macchina non avrete problemi a raggiungere tutti questi luoghi poco tempo.
Cominciamo tornando indietro al tempo degli etruschi con la città di Roselle. Si trova su un’altura da cui domina(va) la Maremma ed era una delle città etrusche più importanti. Vi si trovano ancora parti della cinta muraria, resti della città, dell’anfiteatro e delle terme. Recentemente hanno ritrovato anche dei resti di una città risalente al VII-VI secolo a.C.

Andiamo avanti e cambiamo epoca perché vicino Orbetello troviamo la Città di Cosa, la prima colonia fondata da Roma dopo la romanizzazione dei territori etruschi, nel 273 a.C

Pitigliano Pic. by Giovanni Volpato

Pitigliano Pic. by Giovanni Volpato

Un’altra città interessante da visitare per scoprire la storia della zona è certamente Pitigliano. Costruita nel tufo, questa piccola città sbuca inaspettatamente da dietro una curva, lasciando a bocca aperta i turisti. L’acquedotto mediceo è il primo monumento che si nota, vista la sua maestosità. Da non dimenticare sono, poi, il Palazzo Orsini, nel centro del paese, il ghetto ebraico, definito “la piccola Gerusalemme” ed il cimitero ebraico che si trova poco fuori il paese.

In epoca rinascimentale ha avuto molta importanza culturale il borgo di Capalbio. Soprannominato “la piccola Atene”, la sua storia inizia ai tempi di Carlo Magno e passa, poi, sotto il controllo degli Aldobrandeschi, di Siena e di Orvieto: il borgo si sviluppa intorno al piccolo castello.

Interessante è anche il borgo di Talamone che domina il golfo omonimo deve il suo nome, probabilmente, all’impresa di Garibaldi ed i Mille che, nel 1860, fecero scalo proprio qui. Pereta

Le sorprese non finiscono mai, soprattutto in una zona come quella della Maremma! Un piccolo paesino che stupisce i visitatori è sicuramente quello di Pereta, oggi frazione proprio di Magliano in Toscana. Venne costruito dagli Aldobrandeschi tra il X e l’XI secolo a difesa del tratto di strada che porta da Magliano a Scansano. Il borgo si gira in poco tempo, della sua storia antica resta la porta d’entrata delle mura (gigantesca per un borgo di queste dimensioni), qualche piccola chiesa e l’antico castello, oggi “trasformato” in abitazioni private. Pereta è, insomma, uno di quei piccoli paesini che incontri per caso lungo la tua strada e ti rendi conto solo dopo ti quanto sia riuscito a stupirti.
Si potrebbe andare avanti ancora per molto, alla ricerca della storia in Maremma, ma per ora possiamo terminare questo giro con Porto Ercole. La storia di questo borgo, arroccato su una collina che si affaccia sull’insenatura dove si trova il suo porticciolo, inizia già in epoca etrusca. In epoca medievale assume ancora più importanza, tanto che vi viene costruito il nucleo originario di quella che diventerà la Rocca di Porto Ercole. Luoghi di interesse sono sicuramente i suoi quattro forti (in particolare il Forte Stella, dalla pianta a sei punte, ed anche il forte Santa Caterina). Non dimentichiamo, proprio per chiudere il nostro giro, la sua cinta muraria risalente all’epoca del controllo senese e le due chiese di San Rocco e Sant’Erasmo